venerdì 27 aprile 2012

Tonno in crosta di pistacchi



Da quando ho scoperto questa ricetta me ne sono letteralmente innamorata!
Cucino spesso il pesce, almeno due volte alla settimana.

Eppure, a dispetto di ciò, mi sono accorta che qui sul blog ho pubblicato pochissime ricette di pesce, per lo meno rispetto alla frequenza con cui lo cucino. 
Male, molto male, mi son detta, mi tocca rimediare.
Il motivo di questa discrepanza in realtà è molto semplice: il pesce lo preparo sempre in modi che sono così semplici, veloci e banali, che non mi sembrano mai sufficientemente degni di nota. Tranne, stavolta!
Questa ricetta fa eccezione, sapete perchè? 
No, non perchè sia più complicata di altre eh, niente affatto, è sempre di facilissima realizzazione e di super rapidità di cottura! 
Ma perchè ci è piaciuta così tanto, ma così tanto che non volevo tenerla per me, volevo condividerla con voi e invitarvi a provarla.
Ci è piaciuta così tanto da essersi meritata un posto d'onore tra le storiche ricette di famiglia! 
Insomma si è capito o no che ci è piaciuta "un sacchssimo"? 
E va bè dai, lo so che "un sacchssimo" non si può dire! 
Scommettete però che se l'assaggiate poi lo direte pure voi?
Con questa ricetta su invito di Martina, partecipo ad un menù realizzato ad 8 mani, per un contest davvero carino, "Metti una sera a cena" ideato da Francesca di scorribande in cucina.


Ecco cosa abbiamo pensato per il nostro menù, dall'antipasto al dolce in diretta per voi:
NORD, SUD, OVEST, EST IL MENU' DEL GIORNO 
con la partecipazione di Carla, Martina, me e Maria


Il tempo sarà buono per tutta la giornata: 
al mattino presto l'aurora colorerà di rosa il mare: con l'ANTIPASTO di CARLA (insalata di gamberi in salsa rosa)
il sole brillerà fino a pomeriggio inoltrato: con il PRIMO di MARTINA, (pie di pollo), in serata il cielo si incendierà in un tramonto infuocato: col mio SECONDO (tonno in crosta di pistacchi) di ANY e per finire in nottata, la luce bianca della luna ci farà ben sperare anche per domani: con il DOLCE di MARIA (panna cotta con biscottini ai mirtilli).
Che ne dite, vi piace il nostro menù?
Ed ora vi presento il protagonista del secondo di un bel colore rosso tramonto, da me realizzato per questo menù:

TONNO IN CROSTA DI PISTACCHI

Ingredienti:
4 fette di tonno freschissimo tagliate spesse
1 generosa manciata di pistacchi di bronte
1 manciata di pomodorini secchi
1 cucchiaio di semi di papavero
(se non l'avete potete sostituirlo con del pangrattato con zeste di mandarino)
1 cucchiaio d'olio extravergine d'oliva 
Procedimento:
Sgusciate i pistacchi e sbriciolate una fetta di panettone Loison al mandarino... ehm, dai non mi guardate così!
Avete ragione che è un vero peccato non averlo mangiato prima questo panettone.
Uno splendido dono di Loison con cui partecipo al ricettario che prevede l'utilizzo dei loro prodotti dolciari tutto l'anno e non solo a Natale!
Era rimasto al fondo della dispensa e dopo che mio marito l'ha scoperto e divorato per colazione, l'ultima fetta rimasta ho pensato di benedirla a modo mio!
E se sapeste come ci stava bene in questa panatura...



Dicevamo, a questo punto munitevi di opportune ciotoline in cui metterete i pistacchi, i semi di papavero, le briciole di panettone e i pomodori secchi sminuzzati. Poi prendete un piatto abbastanza capiente in cui metterete il mix degli ingredienti grossolanamente sminuzzati. Impanate per bene le fette di tonno e tenetele da parte.
Scaldate a fiamma viva una padella (io ne ho usata una in ceramica, altrimenti vanno bene anche le padelle con fondo antiaderente) in cui avrete messo un giro d'olio extravergine d'oliva. Scaldate benissimo la padella, che dovrà essere quasi rovente. Il tonno va appena scottato su ambo i lati, cuocetelo un minuto per lato, non di più e servite subito.
Sentirete che sapore!

Note personali: 
Per questa ricetta è davvero importantissima la cottura. 
Non fate cuocere a lungo il tonno, perchè altrimenti rimarrà stopposo e non così saporito. L'aspetto interno deve rimanere rosa come nella foto qui sopra, va davvero solo appena scottato da entrambi i lati, in modo che cuocia solo la parte più esterna, (circa 1 mm) che nella foto appare di colore bianco.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF