martedì 28 febbraio 2017

Il migliaccio un dolce tipico campano: la ricetta della mia famiglia


Oggi è martedì grasso e vorrei inserire nel mio ricettario virtuale un dolce carnevalesco tipico campano, che stranamente ancora non fa parte del blog: il migliaccio. Questo dolce è uno dei preferiti del mio papà, infatti mi racconta sempre che a Carnevale le sue zie glielo preparavano sapendo quanto gli piacesse: ne andava matto. 
Mia nonna paterna non era così abile con i dolci, quindi si affidava sempre alle sue sorelle più giovani, che invece a detta del mio papà erano davvero molto brave considerate le pasticcere della famiglia a cui tutti si rivolgevano durante le ricorrenze. 
Questa che vi presento oggi è la nostra ricetta di famiglia.


Ingredienti:
½ litro di latte
150 g di semolino
80 g di burro
250 g di ricotta vaccina
180 g di zucchero semolato
2 uova grandi
la scorza grattugiata di un limone non trattato
qualche goccia di fiori di arancio
1 bicchierino di limoncello

Procedimento:
In una pentolino dal fondo spesso fate scaldare il latte con la scorza di limone grattugiata, e non appena sobbolle scioglietevi il burro e poi versandolo lentamente a pioggia aggiungete il semolino mescolandolo con una frusta. Continuate a mescolare un paio di minuti sempre a fuoco basso fino a quando il semolino non si sia rappreso quindi spegnete il fuoco e lasciate raffreddare. Nel frattempo montate le uova con lo zucchero, aggiungete i fiori d’arancio, il limoncello e la ricotta e uniteli incorporandoli bene al semolino intiepidito. Foderate una tortiera con carta da forno, versate il composto livellandolo bene e fate cuocere in forno già caldo a 180°C per 1 ora. Sfornate e lasciate raffreddare. Servite spolverizzando con zucchero a velo. 

NOTE PERSONALI:
Il nome del dolce "migliaccio" deriva dal "miglio" cereale considerato più povero, con cui veniva anticamente realizzato questo dolce, per poi lasciare il posto alla semola di grano duro con cui viene realizzato ai giorni nostri.

Buon martedì grasso dunque, arrivederci alla prossima ricetta


10 commenti:

  1. Ma perché non viene più preparato con il miglio?

    RispondiElimina
  2. Ciao Angelica, benvenuta! In realtà è davvero da poco che il miglio si ritrova in commercio, ma a scaffale l'ho visto da pochissimi anni. Credo sia semplicemente una questione di comodità, la semola è semplicemente di più facile reperibilità. Anche io però ero curiosa di sapere che gusto avrebbe con il miglio. Prima o poi ci voglio provare! A presto

    RispondiElimina
  3. Ciao cara Any che belle le ricette di famiglia! Sai che non ho mai provato questo dolce? Sembra fantastico! Buon pomeriggio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, sì è vero, in questo periodo poi che sono nostalgica.. le amo ancora di più! Se ti capita provalo è un dolce semplice ma davvero buono! Un abbraccio!

      Elimina
  4. Che bontà pazzesca! Penso lo adorerei voglio provare a farlo col miglio 😋 Che tra l altro mi piace molto. L aggiunta del limoncello deve dare un aroma ottimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo, se lo provi mi dici se ti piace? Sono curiosissima! A presto!

      Elimina
  5. Buonooooooooooo!!!! E personalizzato col limoncello deve essere ancora più buono!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  6. Invitante e tanto goloso, brava Anastasia!!!

    RispondiElimina

Grazie di cuore di essere passati di qui! ^___^
Se vuoi lasciarmi un commento sarò lieta di rispondere!
I commenti anonimi verranno cestinati, se vuoi inserire un commento, ma non possiedi un account puoi commentare con un Open ID scegliendo nel menù a tendina "commenta come". Grazie.
A presto Any

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF