giovedì 15 dicembre 2016

Le paste di meliga


Ebbene sì lo confesso: è impossibile per me non biscottare nel periodo natalizio!
Troppo bello leggere quello "stupore negli occhi" degli amici quando regalo loro i biscottini preparati da me, impagabile la sensazione di benessere generata dal profumo che invade la casa, come se per qualche giorno la mia cucina fosse diventata un piccolo bistrot di pasticceria e la sensazione di essere un piccolo folletto notturno che aiuta Babbo Natale a consegnare doni golosi...
Ecco l'ho detto, ora che ho fatto "la mia confessione natalizia"  (Ahahahah!) posso lasciarvi la ricetta delle paste di meliga.
Intanto iniziamo con il dire che questi biscotti tipici piemontesi sono preparati con la farina di mais, detta in dialetto appunto "meliga" o anche melia. Solitamente usata per fare la polenta, ma che macinata più finemente in modo da avere una grana più fine "la farina di fumetto di mais" è adatta anche a farci i tipici biscotti: le paste di meliga appunto. 
Nate e diffuse nella zona del cuneese, nel monregalese in particolare, si possono comunque reperire  in tutto il Piemonte, specie durante le sagre di paese.
Personalmente prediligo la loro versione rustica, fatta con il mais macinato non troppo fine, perchè mi piace l'idea di mangiare un biscotto più scrocchiarello.
Inoltre per prepararle ho utilizzato, una farina di mais davvero ottima, integrale e macinata a pietra, prodotta direttamente dalle aziende cooperative del Capac (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali) del QuidaNoi.
Negli anni ho provato molte differenti ricette, ma alla fine questa è la versione che preferisco.

Ingredienti:
200 g burro di malga
200 g zucchero semolato
200 g farina di mais (io ho usato questa integrale)
200 g farina di frumento
3 tuorli d'uovo
scorza grattugiata di limone non trattato in superficie


Procedimento:
Personalmente impasto sempre a mano, perchè mi piace molto pasticciare, ma effettivamente in questo caso vi ci vorrà non poca energia per ottenere un'impasto ben omogeneo, se preferite potete ovviamente utilizzare una planetaria.
Per prima cosa in una ciotola setacciate insieme le due farine, aggiungete lo zucchero e poco per volta il burro tagliato a piccoli tocchetti, sabbiando il composto con la punta delle dita. Quando avrete ottenuto un impasto ben sabbiato, in cui tutto il burro sia stato ben amalgamato, aggiungete anche i tuorli e impastate bene fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. 
A questo punto, ogni volta che dovevo pensare di sagomare questi biscotti, mi veniva la febbre gialla... chi li ha già fatti forse sa di che parlo. 
Tutte le ricette a questo punto suggeriscono di inserite il composto in sac a poche e di spremere... sì ti voglio vedere! 
Manco Hulk nella sua migliore versione!
Perchè l'impasto, almeno quello di questa ricetta, risulta davvero durissimo da spremere!
Nelle sagre di paese quando i biscotti sono preparati al momento, ho visto una macchina trafilata al bronzo che spreme la pasta in pochi secondi, peccato che nessuna casalinga possiede quella macchina.
Quindi che fare? Anche per questo, nel tempo, avevo provato altre ricette, che aumentando la percentuale di burro rendevano l'impasto più morbido e più facile da spremere, ma a quel punto si stravolge la ricetta che diventa più quella di una frolla montata al mais che una pasta di meliga tipica! E poi se si mette troppo burro, in cottura si scioglie e i biscotti perdono la loro forma tipica con le righe sopra...
Finalmente quest'anno la folgorazione: adesso ti frego io!
Idea...
Che credetemi sembrerà banale, ma mi ha sollevato non poco, dal momento che i muscoli me li ero già fatti impastando!
Perché non ci avevo mai pensato prima???
Semplicissimo guardate come ho fatto la formatura:



Ovvero in trenta secondi netti: 
1. fare un rotolino, 
2. formare una ciambellina 
3. chiuderne le estremità 
4. fare le striature con i rebbi della forchetta


Che grande sollievo ragazzi, e pensare che bastava così poco!
Che poi io la detesto la sac a poche...
Dunque dopo aver preparato tutti i biscotti ed averli sistemati su una placca da forno fateli cuocere per una decina di minuti a 180°C in forno statico. Fate attenzione che non coloriscano troppo, devono restare ben chiari come in foto.

CURIOSITA':
A Barge questi biscotti sono noti con il nome di "Batiaje" l'etimologia del termine che in dialetto piemontese significa battezzare, poichè c'era l'usanza di offrirli durante il battesimo.

Vi aspetto alla mia prossima ricetta





7 commenti:

  1. Ahahah hai ragione,a mecapita coi Krumiri,fatti una sola volta proprio per lo sfinimento.Grande idea Any cara,ora te li copio all'istante,ma prima faccio razzia!
    Un bacio grandissimo cara e tantissimi auguri!Buone feste dolcezza💝😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha Damiana, i krumiri??? Sai che non ho mai trovato una ricetta che mi soddisfacesse?? Allora vengo a curiosare la tua!
      Ti abbraccio forte forte anche io! Buon e feste a te e alla tua bellissima famiglia!
      Un bacio

      Elimina
  2. Le nostre paste d'melja.. che buna ca sun. Solo che non le ha mai assaggiate non sa che csa si perde. Che furbata passarle con la forchetta! Io uso il beccuccio rigrinato e faccio fatica, ottima idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo, eh sì sono proprio troppo buone!!
      Felicissima di esserti stata utile! Questo era lo scopo :P
      Ciaooo!

      Elimina
  3. Un paio d'anni fa ho fatto i Krumiri ed ho avuto la tua stessa disperazione. Ed ebbi la tua stessa intuizione che devo dire, non avrebbe intuito nessuno. A mali estremi...
    PS - Le paste di meliga mi provocano dipendenza. Sono da urlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty, eh, eh il trucchetto della forchetta è una scemata alla fine, ma come si dice??? Il genio è l'ovvio che nessuno vede!!!
      Un bacio grande e buone Feste a te e alla tua famiglia!

      Elimina
  4. Anche a me garba molto biscottare sotto Natale :) Le paste di meliga le adoro, ma non le ho mai fatte. Mi segno la ricetta ;) Auguri di cuore di buone feste felici e serene :*

    RispondiElimina

Grazie di cuore di essere passati di qui! ^___^
Se vuoi lasciarmi un commento sarò lieta di rispondere!
I commenti anonimi verranno cestinati, se vuoi inserire un commento, ma non possiedi un account puoi commentare con un Open ID scegliendo nel menù a tendina "commenta come". Grazie.
A presto Any

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF