martedì 10 aprile 2012

Polpette al sugo per le ricette di Mammà



Qualche tempo fa sono stata contattata per partecipiare ad un contest davvero molto carino:
Le ricette di Mammà di Pagageno, la rivista dedicata alla cultura enogastronomica dell'Alpe Adria. 
Scopo dell'iniziativa era riproporre la propria versione di una ricetta tradizionale facente parte di una raccolta questa qui: “Le raccolte del gusto di Papageno”, libro scritto da Pasquale Riccitelli, di cui mi è piaciuto davvero moltissimo il proposito:

“L'intento che anima la pubblicazione di queste “vecchie e care” ricette è quello di sensibilizzare tutti coloro che amano la buona cucina e le tradizioni legate alla casa, al fine di trasmetterle ai nostri figli che sappiano valorizzare i sapori e i profumi dei buoni prodotti delle terre natie, mantenendo sempre viva l'arte culinaria popolare delle nostre regioni e rafforzando in tal modo le nostre radici.” 
Carinissimo, non trovate anche voi?
Per chi poi volesse conoscere i dettagli dell'iniziativa, li può approfondire qui.
La ricetta che casualmente mi è stata assegnata ed ho dovuto reinterpretare è stata per me davvero semplice da realizzare. D'altronde chi è che non le sa fare?
Le polpette al sugo, e quanti bei ricordi! 
Come in ogni famiglia italiana credo, un secondo piatto della tradizione che non può mancare nel ricettario familiare.
Ricordo con chiarezza, sebbene arrivassi appena al bordo del tavolo, le mani svelte e sapienti della mia mamma, che veloci modellavano quelle perfette palline... e la mia vocetta di bimba che chiedeva di poter assaggiare un pò di pinoli e uvetta, prima che mamma li aggiungesse all'impasto.
A fine preparazione poi, quell'impasto lo volevo anche assaggiare, ehm, ehm, da crudo (si lo so, ma tant'è).
Trascorso qualche anno, da un pò più grandicella, anche io aiutavo a formarle quelle palline e poi le tuffavo a rotolare nel pangrattato prima di friggerle...


le mie variazioni rispetto alla ricetta originale, secondo la personale usanza della mia famiglia, le trovate segnate in rosso tra parentesi:

Ingredienti:
Per le polpette: 
500 g di carne tritata (tritata mista manzo-maiale)
4 uova (2 uova) 
1 spicchio di aglio (omesso)
un cucchiaio di prezzemolo
250 g di mollica di pane raffermo (tipo pugliese) (1 fetta di pancarrè) 
pan grattato qb
80 g di formaggio grattugiato (3 generose manciate di parmigiano grattugiato)
1 manciata di pinoli
1 manciata di uvetta 
pepe (omesso)
olio extravergine d'oliva

Per il sugo:
500 g di pomodori (conserva di pomodori San Marzano di mamma)
1 cipolla 
1 carota
1 gambo di sedano (omesso)
qualche foglia di basilico 

Procedimento:

Per le polpette:
In una terrina unire la carne tritata con le uova leggermente sbattute ed il parmigiano, a cui verranno aggiunti il prezzemolo, l'uvetta e i pinoli e la fetta sbriciolata di pane. Dopo aver regolato di sale, aggiungere pangrattato fino ad ottenere un impasto sufficientemente asciutto. Formare le palline e rotolarle nel pangrattato, prima di friggerle in abbondante olio bollente.

Per il sugo:
Affettare sottilmente la cipolla e la carota a dadini e farle soffriggere con due cucchiaio d'olio. Aggiungere la conserva di pomodoro ed una foglia di basilico e lasciar cuocere per una ventina di minuti. Aggiungere le polpette e farle insaporire per una decina di minuti.

Ed eccole qui:


Come da regolamento, non mi resta che lasciarvi il banner del contest che è segnalato qui:





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF