mercoledì 14 marzo 2012

Come dici mamma?? Soupe à l'oignon?? La mia zuppa di cipolle





Arriva in tavola questa calda e fumante zuppa e il mio piccolo quattrenne mi chiede incuriosito:


"Ma che cos'è questa mamma?"
Ed io con estrema nonchalance:
"Soupe à l'oignon, tesoro!"
"Cosa dici mamma? Ma perchè parli in inglese?"
Ed io:
"No tesoro non è inglese è francese (che io il francese manco lo so!!!), ma su assaggiala e dimmi se ti piace" 
...e per un attimo ho temuto!

Invece... 
"Mmmmh proprio buone ste LOGNON MAMMA, ma cos'è che sono???!"
"Ehm, Cipolle, tesoro, cipolle..."
Mi guarda serio con due occhioni straniti.

"Ma per davveroooo??? Ah, ZUPPA DI CIPOLLE VUOI DIRE?? (perchè ha 4 anni, ma mica è scemo! ndr) mmmh, cipolle francesi forse..."

"Sì, sì infatti, proprio cipolle francesi!!" 

Dovete sapere, che da qualche tempo si è fissato che non gli piacciono le cipolle, bah, e sempre mi chiede se nel piatto quella che intravede lo è o meno. 

Ma se le ha sempre mangiate dico io, ve lo giuro! Quante storie!
E' che forse tra amichetti di scuola, certe mode passano anche attraverso il cibo.
E a me monta una rabbia... che i vizi a tavola proprio non li tollero! 
Così ho volutamente fatto la prova del nove.
Approccio scientifico (che molto mi si addice!!!) e se mangia la zuppa di cipolle... CVD!!!
Dunque non è vero che non gli piacciono ^___^ ed io che sono testarda più di un mulo, gliel'ho anche dimostrato! 
Che qui siamo ariete contro capricorno eh, mica pizza e fichi! 
E c'è poco da scherzare in quanto a testardaggine.
Stavolta è andata liscia: uno a zero per mamma Any! 
Anche se a detta del babbo non dureranno molto le mie vittorie...
L'idea della zuppa mi è venuta da Lory, sbirciando tra le sue ricette. 
Ve l'avevo detto che ero indecisa su quale fare e questa era un'altra di quelle che volevo provare, ma mica serve un contest per farlo, no???
Ho fatto solo alcune piccole modifiche alla ricetta, perchè per accorciare i tempi, l'ho cotta in pentola a pressione e poi l'ho frullata, per "fregare" il mio piccolo occhio di lince...

Ah, mettete anche in conto che si piange non poco a pelar cipolle!
Ma veniamo alla ricetta:


Ingredienti (dosi per 4 persone):

800 g di cipolle bionde
50 g di farina
20 g di burro
1 litro (scarso) di brodo 
1 bicchiere di vino bianco secco
3 cucchiai di brandy
sale e pepe io questo qui 
100 g di Emmental grattugiato
crostini di pane (o una baguette tostata come in origine)

Procedimento:
Sbucciate e pulite bene le cipolle, poi affettatele sottilmente e fatele soffriggere a fuoco bassissimo col burro, 'per una decina di minuti, girandole di tanto in tanto, finchè non suderanno. Spolverizzate ora con la farina e aggiungete il vino bianco ed il brandy, facendoli evaporare bene. 
Ora aggiungete il brodo (io non l'ho messo tutto, poichè ho cotto in pentola a pressione, ne ho messo tanto fino a ricoprire completamente le cipolle). 
Lasciate cuocere per una mezz'oretta a fuoco bassissimo. Io ho lasciato in pentola a pressione per 20 minuti dal sibilo. 
Ora a noi piace la consistenza cremosa, per cui ho frullato il tutto, altrimenti va benissimo anche così. 
Tostate il pane, e mettetelo nei piatti prima di aggiungere la zuppa caldissima e fate gratinare per qualche minuto dopo avere aggiunto anche il formaggio. 
Io non avendo la baguette, ma del pane secco, ho optato per dei crostini, (ho cosparso con un filo d'olio il pane e l'ho passato pochi minuti al grill).


Era squisita lo stesso, parola di Any!








Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF