martedì 24 maggio 2011

Cracker di farro e kamut al limone e rosmarino


Ed eccomi qui, come promesso nel precedente post, torno a scrivervi la ricetta dei crackers, che avevate solo visto in foto... 
insieme alla mia philadelphia home-made, che a quanto pare ha riscosso un grande successo :) tra tutti i lettori di questo blog! 
Vi è piaciuta un sacco, non è vero?! 
Ovviamente, neanche da dirsi, ne sono orgogliosa e felicissima!
Tornando alla ricetta di oggi, come già avevo accennato, chi mi ha ispirato è stata Manu qui. L'occasione giusta si è presentata una sera in cui avevo ospite a cena una mia carissima amica celiaca, per cui mi sono lanciata per la mia prima volta con questa preparazione! 
Mai fatti i crackers in vita mia prima d'ora, è stata davvero la primissima volta, ma mi sa che li ripeterò, perchè sono davvero deliziosi, hanno un gusto eccezionale! 
La ricetta di Manu, prevedeva però l'utilizzo del lievito madre che io non avevo, per cui ho fatto un pò un mix di ricette che ho letto qua e là e come al solito è venuto fuori un bell'intruglio a modo mio! Vi dico che ho combinato stavolta!

Ingredienti: (dose per circa 18 crackers) 

150 g di farina di farro (o farina a vostra scelta) 
100 g di farina di Kamut (o farina a vostra scelta)
10 g di lievito di birra
8 cucchiai del mio olio aromatizzato al limone 
1 cucchiaino di sale (ho usato il fleur de sel)
la scorza grattugiata di un limone di Sorrento Bio
una manciata di aghi di rosmarino finemente sminuzzati 
acqua qb (circa 200 ml) 
fior di sale q.b.


Procedimento:

In una ciotola mettere la farina con il sale, l’olio e aggiungere a filo l'acqua (in cui è stato sciolto il lievito) regolatevi con l'acqua, dovrete ottenere un impasto morbido ed elastico. Aggiungere la scorza grattugiata del limone ed il rosmarino tritato impastando uniformemente. Coprire con un telo di cotone e far riposare in un luogo asciutto per circa 30 minuti. Riprendere l’impasto e stenderlo con il mattarello su una spianatoia di legno spolverizzata con poca farina per non far attaccare l’impasto. Ho provato a sfogliarli un pò (un paio di volte) ripiegando l'impasto come per fare la sfoglia. A questo punto ho ricavato dei rettangoli (ma potete sbizzarrirvi con le forme o i taglia-biscotti), ne verranno fuori circa 18. Spolverizzateli con del fior di sale. Disponete i crackers su una leccarda rivestita di carta forno e mettete in forno preriscaldato a 200° per circa 20 minuti (controllateli tanto dipende dal vostro forno). 


Un consiglio, non fate come me, tagliate i vostri crackers direttamente in teglia, altrimenti si sformeranno, come i miei che sono rimasti un pò oblunghi, perchè non riuscivo a spostarli senza far danno e infatti si sono deformati un pò! Pazienza erano buoni lo stesso!
Sono da mangiar freddi. Ottimi per accompagnare del formaggio morbido (uno a caso?!) oppure delle salsine durante un aperitivo o ancora come rompi-digiuno!
Sani e genuini e buoooooooooni!!!

Insomma vi ho convinto anche stavolta, sì o no?!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF