giovedì 8 marzo 2012

Torta Mimosa con crema Chantilly al limone



8 marzo:
FESTA (?) DELLA DONNA ricorrenza amata/odiata indifferentemente da noi donne... 
Perché? Quante donne conoscono l'esatta origine di questa non direi festa ma piuttosto ricorrenza?
Forse non tutti sanno che proprio l'8 marzo 1908 in una fabbrica tessile NewYorkese morirono arse vive 129 donne letteralmente chiuse in fabbrica dal padrone della stessa per mettere fine alle loro proteste.

Le donne da giorni protraevano uno sciopero di protesta contro le loro disumane condizioni lavorative... e furono così messe a tacere! 
Da allora l'8 marzo è diventata una ricorrenza, la data simbolo del riscatto delle donne, di quelle donne che in nome di un loro diritto hanno perso la vita per rivendicarlo! 
Questo solo a dover di cronaca, per dire a chi "detesta" questa data, che forse quello che disturba è l'uso solo commerciale che oggi se ne fa!
In realtà il fondamento, l'origine di questa ricorrenza è ben diversa da "un giorno di libertà" da passare con le amiche o a veder spogliarelli maschili!
Ecco questo personalmente è l'aspetto di questa ricorrenza che maggiormente detesto... vedere tavolate di donne "ocheggianti" mi sembra il peggior modo per ricordare l'origine di questa festa...
Detto ciò, ancora una curiosità, perché la mimosa?
La mimosa, fiore simbolo della nostra festa, pare invece abbia origine più tarda.
Nel 1946 infatti si scelse questo fiore come simbolo della Festa della Donna.
Fiorisce proprio in questo periodo, è umile e poco costosa, simbolo della primavera, del risveglio della natura e sta ad indicare il rinnovamento nella condizione femminile, il risveglio della coscienza di donna e di persona libera.
Dopo questa lunga premessa allora, vorrei fare una dedica speciale.
Dedicarmi e dedicarci proprio oggi questo delicatissimo e profumato dolce: la
 torta mimosa
Non l'avevo mai fatta prima d'ora, ma era una di quelle torte che mi ero sempre ripromessa di provare a fare, quindi quale occasione migliore di oggi?
E vai, torta mimosa sia.

A tutte le donne che in modi diversi ancora oggi devono rivendicare qualche loro diritto, ma non possono, a tutte quelle che lottano per farsi spazio, per sopravvivere, per tutelare i propri figli, a tutte quelle che hanno ancora sogni e desideri irrealizzati, che rimangono nel cassetto sacrificati in nome di qualcos'altro di più importante...

Perché per noi donne le priorità e le possibilità non sono sempre uguali a quelle maschili!
A chi invece nonostante tutto, del suo sogno ha coraggiosamente scelto di fare una realtà. 
A tutte davvero tutte le donne indistintamente.
A tutte le meravigliose donne che accompagnano la mia vita quotidiana, 
che in modi diversi mi aiutano e mi sostengono. 
A tutte noi... e a chi se la sente di festeggiare con me: buona festa!
Infine, ma non certo per importanza, alle donne straordinarie della mia famiglia, nonne, mamma e sorella, che hanno fatto di me ciò che oggi sono.
Grazie di vero cuore! 


L'esecuzione della ricetta della torta mimosa è un pò laboriosa, ma vi assicuro che ne vale davvero la pena.

Ingredienti:

Per la base:
  • 3 uova
  • 120 g di zucchero a velo
  • 125 g di farina manitoba
  • la scorza grattugiata di un piccolo limone non trattato
  • 4-5 g di lievito per dolci
Per la Bagna al limoncello: 

  • 150 g d'acqua
  • 75 g di zucchero
  • la scorza grattugiata di un piccolo limone non trattato 
  • limoncello qb (quantità a piacere) io uso il mio questo qui 
  • 200 ml di latte fresco intero 


Per la Crema Chantilly al limone:

  • 50 ml di limoncello io uso il mio questo qui 
  • 1 uovo intero 
  • 75 g di zucchero 
  • 40 g di farina 00 
  • la buccia di un limone non trattato 
  • 100 g di panna fresca



Procedimento:

Per la base:
Con l'aiuto delle fruste elettriche sbattete molto bene a crema le uova con lo zucchero, finchè potrete scrivere (il famoso 8 senza che si cancelli subito). Ora setacciate la farina col lievito ed aggiungetela delicatamente e poco alla volta alla crema, con l'aiuto di una spatola, cercando di incorporare aria con movimenti dal basso verso l'alto. Ora aggiungete la scorza di limone e ponete l'impasto in una teglia imburrata ed infarinata dal diametro di 20 cm. Cuocete in forno ventilato a 175°C per 30-35 minuti. Per verificare la cottura fate sempre la prova stecchino.


Per la Bagna al limoncello:
Preparate la bagna facendo bollire a fuoco vivo, per circa 15 minuti, l’acqua con lo zucchero e la buccia di un limone (utilizzate il pelapatate). 
Aspettate che si intiepidisca ed aggiungete del limoncello, in quantità a piacere, secondo il vostro gusto.

Per la Crema Chantilly al limone: 
Mettete in un pentolino il latte e il limoncello e la buccia di limone e portate quasi a bollore. Nel frattempo in un altro pentolino sbattete bene l'uovo con lo zucchero. Aggiungete la farina setacciata e amalgamate bene. Dopo aver eliminato la buccia di limone, versate il latte caldo e fate rapprendere a fuoco bassissimo mescolando sempre. In 3 minuti circa è pronta. Fate raffreddare completamente la crema al limone ed aggiungete la panna montata leggermente zuccherata (io di solito metto 10 gr di zucchero per ogni 100 ml di panna), mescolando delicatamente per non fare smontare il composto, in modo da ottenere una crema chantilly al limoncello.


Assemblaggio della torta: 
Dopo aver fatto raffreddare bene la base, eliminate delicatamente la crosticina superiore aiutandovi con un coltello e livellando bene il pan di spagna. Ora tagliate superiormente un disco dello spessore di circa 1 cm e mettetelo da parte. Scavate delicatamente nell'interno la base restante in modo da formare un incavo al centro della torta in cui successivamente inserirete la crema. La parte interna della torta che avrete scavato sarà quella che andrà a formare l'effetto mimosa. Tagliatela a cubettini e mettetela da parte. Ora bagnate la parte dell'incavo con la bagna al limoncello. Farcite l'incavo con la crema chantily al limone preparatala, sovrapponete il disco tenuto da parte bagnandolo prima con la bagna al limoncello e poi ricopritelo di crema. Con l'aiuto di una spatola, glassate bene con la crema anche i bordi della torta e poi decoratela coi cubettini di mimosa tenuti da parte facendoli aderire delicatamente. 

Decorate se vi piace spolverizzando la superficie con zucchero a velo e con qualche fragolina. Io ho utilizzato dei taglia-biscotti per tagliare le fragole e dar loro la forma di cuoricini!




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF