giovedì 10 settembre 2015

E' arrivato Nergi © il nuovo superfrutto energizzante direttamente dal Piemonte

Da pochissimi giorni, per l'esattezza dal 7 settembre, nei reparti ortofrutta dei supermercati ha fatto capolino un nuovo protagonista: il Nergi© distribuito da Ortofruit
Eccolo in tutta la sua bellezza: 


Il 29 e 30 agosto ho avuto il privilegio di partecipare all'Educational Tour organizzato da QuidaNoi.

Il mio compito nel corso della sfida tra blogger alla 66° Sagra del Peperone di Carmagnola è stato quello di illustrare le proprietà nutrizionali del Nergi oltre ovviamente degustarlo, cercando di dare le mie impressioni e fare alcune prime considerazioni.
Avevo già assaggiato il Nergi lo scorso anno a novembre, e ne avevo già parlato in un mio post qui, sempre a Saluzzo, la patria produttiva del Kiwi dove è tuttora coltivato. Il Nergi è un baby-kiwi non è un OGM (organismo geneticamente modificato), al contrario è al 100% naturale, con pochissime calorie e tantissime interessanti proprietà dal punto di vista nutrizionale. E' un frutto ricchissimo di Vitamina C, di fibre e Vitamina E, antiossidanti, calcio, magnesio e potassio come si può leggere nella sua scheda nutrizionale anche qui. Particolarmente adatto quindi ad anziani e bambini, ma anche a chi è sempre di corsa e ha bisogno di una carica speedy-express anti-fatica ed anti-stress sempre a portata di mano. 

Un frutto tutto verde molto carino anche da vedere, con un gradevolissimo sapore (a mio avviso più dolce e gradevole del kiwi che conosciamo!) che si mangia come un frutto di bosco, con tutta la buccia. Il che lo rende perfetto come frutto da spizzicare, uno snack adatto a qualsiasi momento, specie se utilizzato per una sana merenda, perchè molto amato dai bambini, come ci dicono i francesi, che hanno commercializzato il Nergi prima di noi e hanno quindi già avuto modo di raccogliere le prime impressioni.



Anche il kiwi che conosciamo è originario della Cina, fa parte del genere Actinidia, di cui esistono 3 specie:

Deliciosa 
Chinensis 
Arguta 

La varietà cui appartiene il kiwi classico "peloso", insomma quello che tutti ben conosciamo è della specie Chinensis, oppure Deliciosa, la cui varietà più coltivata in Piemonte è l'Hayward. Da diversi anni però questa specie è stata colpita da una grave batteriosi da Pseudomonas, un batterio infestante che ha letteralmente dimezzato le coltivazioni di kiwi, perchè non esiste un rimedio e occorre tagliare le piante infestate. Di 7000 ettari coltivati in Piemonte oltre 3000 sono stati colpiti, con gravissimi danni economici per i produttori. Per questo si è pensato ad una nuova sfida, cercando una varietà di kiwi che fosse resistente alla batteriosi. 
Si è così arrivati al nuovo kiwi-berry, il Nergi appunto, che è stato ottenuto da botanici neozelandesi con diversi innesti partendo da una varietà selvatica di kiwi originario della Cina Occidentale resistente al freddo e appartenente alla specie Arguta. 
Le due varietà che possiamo trovare in Italia oggi in commercio sono la Rua e il Tahi (sopra in foto).



Enrico Barra, il tecnico agronomo soprannominato "l'Uomo Nergi", ci ha illustrato tutte le caratteristiche peculiari del frutto, che successivamente abbiamo potuto anche degustare, mostrandoci i frutti, direttamente nel frutteto. I frutteti sono tutti coperti da sottili reti scure che proteggono i delicati frutti dal troppo sole e dalla grandine che potrebbe irrimediabilmente danneggiarne il Nergi. La raccolta deve essere fatta a mano tra settembre e novembre. Il consumo del Nergi inoltre non è immediato, i frutti raccolti infatti non sono ancora pronti da mangiare, devono seguire un affinamento in frigo. Dopo essere stati conservati per una decina di giorni a bassa temperatura, possono quindi essere immessi in commercio.


Il Nergi dunque è al suo anno zero, ma direi che le prime impressioni alla degustazione, sono state ottime.

A partire dal gelato al Nergi, degustato da Più di un gelato, gelateria gestita da una cooperativa sociale che ha puntato sulla eccellente qualità delle materie prime, già insignita di numerosi premi come scrive anche Pasquale qui e con ottime recensioni anche su Tripadvisor.

Il gelato al Nergi è un gelato dal colore vivace e davvero sublime preparato da un simpatico ed appassionato maestro gelatiere Alfio Tarateta che, con il Nergi, l'acqua e 20% di zucchero aggiunto, ci ha preparato un sorbetto così cremoso e buono che non si può scordare. 


Così come l'intero menù dello chef Giancarlo Piccarreta tutto dedicato al Nergi dal primo al dolce, servito nella bellissima location del Caffe Up di Umberto Palermo un caffe social, trendy come il suo ideatore, molto ricercato nel gusto, ma nello stesso tempo con spazi e personale così attento da farti sentire a tuo agio. Impresa non facile preparare un intero menù con il Nergi, soprattutto la sfida di doverlo cuocere, ma la degustazione non ci ha lasciati indifferenti. 
Davvero particolarmente ben riusciti a mio avviso l'abbinamento con il risotto e con il dolce.


Ed infine il giorno seguente una degustazione servita direttamente nel frutteto dove è stata la volta del pranzo, allestito su un meraviglioso tavolo in loco per un ottimo buffet tutto a base di Nergi. 


Detto ciò credo sia assolutamente doveroso un mio sentito e speciale ringraziamento alle ragazze della cooperativa Dstile nelle persone di Irene Bongiovanni e Michelle Aggio per la loro sempre impeccabile organizzazione durante le giornate del tour e all'instancabile #fatinasupertrottola Renata Cantamessa, che dopo questo evento meriterà forse un nuovo titolo ad onorem: #FataNergi?
Grazie anche a tutti i partecipanti, alcuni oramai volti amici.
Prossimamente vi presenterò una mia ricetta ideata per il Contest utilizzando il Nergi per suggerirvi un suo possibile abbinamento.
Per ora il mio consiglio è ovviamente quello di assaggiarlo, per vedere se vi piace.
E non posso che fare il tifo per tutti quei coraggiosi produttori: 500 aziende agricole della mia regione, che hanno scommesso su questo nuovo frutto, facendo loro un grandissimo in bocca al lupo. 

E naturalmente auguro un grande successo di pubblico anche a lui il nuovo arrivato super-frutto dell'autunno: forza Nergi #nergizzaci tutti, che ne abbiamo bisogno! 

Alla prossima



Nessun commento:

Posta un commento

Grazie di cuore di essere passati di qui! ^___^
Se vuoi lasciarmi un commento sarò lieta di rispondere!
I commenti anonimi verranno cestinati, se vuoi inserire un commento, ma non possiedi un account puoi commentare con un Open ID scegliendo nel menù a tendina "commenta come". Grazie.
A presto Any

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF