lunedì 7 novembre 2011

LA OREJA DE JAIME... a Madrid


Scrivere delle vacanze oggi è così strano... sembra tutto così irreale... mi sembra davvero lontano anni luce!
Da una parte un vero angolo di sogno ricordare quel cielo così azzurro e terso, come una sorta d'isola felice, dall'altra quasi un bel pugno nello stomaco, vista la situazione di maltempo che imperversa sul Piemonte proprio in questi giorni, ma il tempo scorre veloce e non volevo rinunciare a scrivere questo post, che attendeva paziente d'esser scritto da quasi due mesi, ci tenevo davvero tanto a partecipare al contest indetto da Fabi (tutti la conoscete è una ragazza d'oro, che stimo molto) per cui eccomi qui solo poco prima dello scadere del suo termine!


Una delle tante passioni che condividiamo io e mio marito è proprio viaggiare!

Sapeva di certo di farmi cosa gradita facendomi questo regalo per staccare dalla routine quotidiana, e devo ammetterlo, lui quando vuole le cose sa farle davvero per bene! 
Per me è stata veramente una meravigliosa sorpresa, mi ha fatto un bellissimo regalo, in occasione del nostro anniversario di matrimonio: un bel viaggio a Madrid! 
Madrid è davvero una città incantevole, ci tenevo da tanto a visitarla!


Inoltre la fortuna è stata dalla nostra parte, abbiamo avuto un fine settimana con temnpo splendido ed abbiamo potuto davvero goderci questa rinomata capitale spagnola! 
La Spagna mi piace molto, un pò anche perchè si respira aria di casa, come in tutti i paesi mediterranei (sebbene a mio avviso noi italiani abbiamo ancora moltissimo da imparare dagli spagnoli in quanto a turismo intendo) e un pò perchè gli spagnoli hanno un cuore "caliente"!
Credo infatti che rispetto all'Italia la Spagna abbia una marcia in più!
La conosco abbatstanza, sono già stata a Barcellona, in Andalusia, ho fatto un pezzo del "Camino del Northe" fino a Santander e devo dire di aver trovato molta più valorizzazione del patrimonio artistico e culturale rispetto a noi e soprattutto, molta più attenzione al turista, cosa che in Italia spesso manca, nelle nostre città troppo care, carenti di servizi e che il più delle volte per questo ci fanno desistere dal visitarle, facendoci optare per mete all'estero!
Un vero peccato!
E dire che basterebbe così poco per valorizzare le numerose, località turistiche italiane che abbiamo e sono moltissime...


In ogni caso, una delle cose che amo maggiormente fare quando visito una qualsiasi città è andare alla ricerca di quei posticini caratteristici, ma poco frequentati dai turisti, soprattuto quando si tratta di cibo, preferisco quei posti molto amati dalla gente del luogo, proprio per "entrare" realmente nell'anima del posto e in questo caso per vivere e mangiare tipico, almeno per qualche giorno, come i madrileni!
Avevo letto in rete e su alcune guide, di un posticino del genere, e non volevo farmi scappare l'occasione... con mio marito siamo così andati alla ricerca di questo piccolissimo locale con pochi coperti, ma che vale davvero la pena di una visita, per chi come me è alla ricerca di posti un pò inusuali e strani!
Ovviamente non è andato tutto come speravo, arrivati davanti al famoso locale era chiuso, ma la fortuna ci ha ugualmente assistito, guardate...


Pensate un pò, davanti al suo locale, c'era proprio lui in persona: addirittura Jaime (il signore con la barba nella foto qui sopra di cui avevo letto, davvero una squisita persona) che, incredibilmente si è messo a chiaccierare con noi, due turisti sconosciuti, spiegandoci il perchè il suo locale fosse chiuso e probabilmente vista la mia faccia delusa e disperata, alla fine ci ha indirizzati poco oltre qui alla "Casa de Toni" (anzi a dire il vero ci ha proprio accompagnati fin dentro) per degustare il suo mitico piatto, il più famoso e tanto decantato e discusso! 
Siete curiosi di sapere cos'è vero?
Avete ragione, vi ho tenuto già abbastanza sulle spine!
Ve lo mostro, eccovelo così come ce lo hanno servito:


E vi dirò di più, lo so qualcuno storcerà il naso: astenersi dalla vista di questo piatto vegetariani ed animalisti convinti prego, ma a me è davvero piaciuto un sacco!

Si tratta delle orecchie di maiale cotte sulla "plancha": alla piastra, nulla di speciale di per sè, ma essendo di cartilagine, sono croccanti e morbide allo stesso tempo e poi pare che l'usanza di mangiarle sia davvero tipica solo della città di Madrid, e io non potevo non assaggiarle!
Manie da food-blogger ^___^!
Questo bel piatto che vedete qui sopra in foto poi è costato la bellezza di 4.50 euro, un prezzo onestissimo direi!
Abbiamo anche preso le "papas bravas", di cui cercherò la ricetta per provare a rifarle perchè erano anch'esse ottime!
Il tutto condito da ospitalità, cordialità, sorrisi e gentilezza dei proprietari che molto cortesemente a fine pasto, ci hanno anche offerto un eccellente moscatello, per me una gioia senza pari!
Ecco queste sono le cose che amo di più al mondo, non potrei chiedere di meglio!!!
Grazie ancora per questo dono al mio tenero amore!

La ricetta di queste orecchie di maiale alla piastra, oltre che originale è davvero saporita e di per sè per nulla difficile da ripetere, solo che credo che da noi la cosa complicata sia reperire la materia prima, a meno di non avere dei maialini propri!
Ed ora come da regolamento, ecco il banner del contest:



Per i più curiosi di voi, lascio ancora qualche foto di questo bel viaggio, che consiglio vivamente a tutti di fare!
Vale la pena! Madrid è davvero una bella città!



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF