venerdì 17 giugno 2016

Pane cotto in pentola


Era da un pò che volevo provare questo pane cotto in pentola, da quando avevo visto quello di Gaia qui.
L'ho amata dal primo giorno che per caso sono capitata sul suo blog, e parliamo del 2010 ragazzi! 

Quelle sue mani che accarezzano gli impasti, quella sua "Gaia semplice spontaneità" e una incredibile somiglianza con il mio sentire, mi hanno da subito fatto innamorare di lei e poi l'ho abbracciata sapete, pochi mesi fa.
E oggi avevo nostalgia delle sue parole, di quegli abbracci, perchè a volte le amiche speciali sono troppo lontane, ma questo spazio serve anche a tenerle vicine, perchè la condivisone di una ricetta non è mai sempre solo quello che si vede in un post.
Le emozioni che sono nascoste nel cuore appartengono solo a chi scrive.
Dedicato a te cara dolce Gaia e a tutto quello che non si può scrivere qui...

Ingredienti:
400 g di farina 0
140 g di farina di semola rimacinata
300 g di acqua a temperatura ambiente
90 g di lievito madre
1 cucchiaino di sciroppo di malto d'orzo (o miele)
1 cucchiaino e mezzo di sale



Procedimento:
Sciogliere il lievito madre nell'acqua ed aggiungere gradatamente le farine lavorando l'impasto che risulterà un pò appiccicoso. Dopo una decina di minuti di lavorazione in ciotola coprire l'impasto e trasferirlo in frigo fino al giorno seguente con un riposo di circa 20-24 ore. Il giorno seguente dopo aver fatto acclimatare l'impasto per un paio di ore fuori frigo infarinare bene la spianatoia e trasferire l'impasto che dovrà essere steso delicatamente. 
Fare le pieghe a libro, coprire l'impasto e lasciarlo riposare 30 minuti, quindi fare le pieghe a fazzoletto e riporre l'impasto in un contenitore ricoperto da un canovaccio cosparso con abbondante semola con la chiusura verso il basso. Io l'ho messo direttamente in pentola visto che era quella di pietra che va direttamente in forno. 
Lasciare raddoppiare l'impasto. Infornate quindi il pane in forno già caldo a 240°C per i primi 10 minuti e poi a 220°C fino a cottura ultimata.

Certo il pane di Gaia è il pane di Gaia: cioè imbattibile!
Sono comunque soddisfatta anche del mio risultato, buono e profumato
E poi fare il pane in casa dà sempre una soddisfazione impagabile.

E oggi rubo in prestito anche il suo motto... 
Che il sole vi baci!
a presto





  
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

stampa il post

Print Friendly and PDF